Se questa è esistenza

Immagine

Eccomi qua, con il secondo messaggio…

Non ho molta esperienza, anzi direi nulla, con i blog, non so come bisogna scriverci, in che persona o in quale particolare modo, ma questo è il mio blog e quindi scriverò come più mi piace, mi sono sempre distinto dalla massa, non vedo perchè non farlo anche qui.

Vorrei parlare del perchè di questa foto che ho scelto per il mio messaggio.

Sostanzialmente perchè mi ci vedo io tra un po’ di anni, almeno per il momento. Mi vedo un uomo solo, in balìa della mia solitudine e della vecchiaia, è un po’ triste da dire alla mia età ma quando rimango da solo spesso purtroppo mi viene da pensare a tante cose, queste cose, e questa è una di quelle volte.
A vent’anni un ragazzo dovrebbe sprizzare adrenalina e gioia da tutti i pori, e sento dentro di me che la voglia di farlo c’è, si! C’è una voglia immensa di iniziare a Vivere eccome, ma è come se fosse trattenuta da una camicia di forza questa volontà!

Allora vi chiederete, dov’è quindi il problema? Esci e vai a vivere. Fosse facile vi rispondo io…

Sono un ragazzo un po’ particolare, o forse sono gli altri ad essere particolari per me, ma io non sono un classico ventenne, no affatto. Nella mia vita con i miei coetanei non sono mai andato molto d’accordo per interessi e pensieri diversi e questo ha fatto si che non istaurassi mai un grande legame di amicizia con nessuno di loro, purtroppo però, fino a una certa età non mi è pesato molto perchè bene o male anche se poco, stavo con qualcuno e mi divertivo lo stesso, durante gli anni dell’oratorio per esempio.
Poi però inevitabilmente si cresce, e superati quegli anni inizio ad accorgermi che sotto sotto non ho nessuno, sono solo ma ancora ho appena sedici anni e sicuramente qualcuno arriverà penso. Ma non va così, gli anni passano e qualche nuova conoscenza la faccio ma non è quello che pensavo per me, non sono libero nel confidarmi, nell’aprirmi e condividere i miei pensieri e problemi/insicurezze con qualcuno che possa realmente capirmi.

Così arrivo a vent’anni e ormai non sono più un ragazzino, capisco bene che sto bruciando gli anni più belli che la vita mi sta offrendo, ma cosa posso farci? Io non amo fare quello che fanno gli altri ragazzi, io non sono uno da discoteca, da prendere e andare al pub e farsi quattro birre o spaccarsi di canne al parco, per carità non giudico nessuno, dico solo che non è quello che amo fare, non è il divertimento che cerco io, e quindi rimango solo piuttosto che accontentarmi o pensare di essere felice a fare quelle cose che in realtà non mi fanno sentire tale.
Non ho mai avuto problemi con gli altri, non mi sono mai fatto mettere i piedi in testa, nessuno mi ha mai preso in giro o sfottuto per questo, perchè non sono il classico ragazzo debole caratterialmente, anzi, e di questo sono orgoglioso, forse una delle poche cose in cui mi sento fiero di me.

Infine, oltre all’essere solo per quanto riguarda le amicizie, quello che più mi butta giù e mi demoralizza è il fatto di non avere una compagna. Io credo che se mai mi dovessi fidanzare almeno il settanta per cento dei miei problemi sparirebbero. Quello che cerco io però non è una cosa di poco conto, non mi interessa far sapere che sto con qualcuno solo per dire finalmente anche io ho una ragazza o che finalmente faccio l’amore anche io, sembrerà strano ma ad appena vent’anni mi piacerebbe vivere una storia importante, magari anche la mia unica storia nella vita, chi lo sa.
Se trovassi la ragazza perfetta per me non avrei problemi a volerci stare una vita insieme, già a partire da questa età! Non sono quello che vuole essere definito “sciupafemmine”, voglio solo vivere la mia vita in maniera serena e come dico io, con una ragazza da amare e proteggere, prestare tutte le attenzioni e vivere e condividere una vita piena di emozioni con lei.

Potrei superare il fatto di non avere amicizie, non mi peserebbe più, ma onestamente, oggi, quante ragazze esistono che hanno il mio stesso desiderio?
Secondo me ce ne sono, qualcuna esiste, ma è difficile da incontrare, solo la sorte se mai vorrà farmi questo regalo potrà riuscirci, perchè io ho paura che a provare a cercare da solo, possa passare interi anni a farlo senza riuscirci.

Tutto questo discorso mi tormenta ogni momento nella testa, ogni giorno, penso a che vita sia la mia, al perchè sia così difficile essere felici.
Spesso piango da solo alla sera prima di dormire, non mi faccio vedere da nessuno, sono una persona riservata e a parte qui, sul mio blog dove parlo in anonimato, a nessuno ho mai fatto sapere queste cose, però ci penso sempre.
Alle volte ho anche paura, paura di poter lasciare un giorno questo mondo senza aver lasciato una traccia di me, senza essermi goduto un’esistenza all’altezza delle mie aspettative, ho paura di ritrovarmi come quell’uomo in foto un domani, solo, a pensare guardando oltre il mare a quante occasioni non mi sono mai arrivate o a quelle poche che non ho saputo sfruttare, pensare al dono più bello che ho ricevuto, ma che non sono riuscito a usare, la mia vita, invece che essere accanto alla donna che ho amato una vita intera, tenerci per mano fino agli ultimi anni come ragazzini e sapere che per qualcuno, anche solo per lei, sono stato la persona più importante su questa Terra.
E quello che più mi deprime è non conoscere nessuno che possa testimoniare di aver avuto un periodo come il mio, ma che poi sia riuscito ad uscirne e vivere una vita alla pari o anche molto più piena di molti altri che pensavo stessero già bene e fossero felici così quando li vedevo.
Spero che la mia situazione possa subire una mutazione positiva nel più breve tempo possibile, perchè questo non vuol dire Vivere, ma solo respirare e fare parte di questo biosistema, la vita è già fin troppo breve così com’è e inziare a viverla a quarant’anni o non iniziare a viverla affatto non ci sto.

Come si dice in milanese, se vedum, cioè “ci vediamo”, o meglio ci sentiamo (più opportuno qui).

Un saluto a tutti e grazie.

Annunci
Standard

Benvenuti su “Gli amici del blog”

Il sito nasce dall’idea di alcune persone che si sono ritrovate a “chattare” in un altro sito web, ma che per limitazioni del servizio offerto da quest’ultimo hanno deciso di crearne uno loro per potersi esprimere e scrivere senza troppe limitazioni fastidiose.

Il tema trattato dal sito e dagli utenti è basato sulla vita, sulle sue difficoltà, sulle emozioni di questa e tutto quello che può offrire, o negare…

Il perchè nasce dal bisogno di far sapere in anonimato a qualcuno della insoddisfacente vita del creatore del blog (ventenne nel 2013) e di come gli ultimi anni della sua esistenza siano stati deludenti e inadeguati se confrontati con le sue aspettative, speranze, sogni e desideri.

Lo scopo principale del sito è quello di riunire quelle persone che hanno passato momenti difficili e simili a quelli dell’autore del blog e che in qualche modo sono riusciti a superarli (se non del tutto, almeno in parte) e dare e ricevere consigli, opinioni, pareri da persone che sanno di cosa stiamo realmente parlando, perchè lo hanno vissuto e sono gli unici in grado di capirti fino all’osso. I consigli in genere ce li danno un po’ tutti, ma pochi sanno propinarceli come chi ha provato direttamente sulla propria pelle questa situazione.

Io (autore del blog) ragazzo di 20 anni della provincia di Milano, voglio farvi sapere che non amo leggere, questo per scusarmi in anticipo nel caso in cui il lessico che troverete nel sito scritto da me non rispecchi le vostre aspettative.

Un saluto.

Standard